Corso di Primo Soccorso

Vi racconto i miei lunedì dal 15 ottobre al 10 dicembre 2018

Ho sempre desiderato imparare le manovre di primo soccorso ma non ho mai trovato il tempo per partecipare ai corsi che vengono organizzati. Tra questi c'è quello della Misericordia di Pistoia gratuito e aperto a tutta la cittadinanza a cui ho deciso partecipare. Il corso, riconosciuto dalla Regione Toscana, concede l'abilitazione al primo soccorso base con uso del defibrillatore semi-automatico. Inoltre pone le basi per poter diventare volontari nell'ambito della Misericordia stessa.

Devo dire che è stata un'esperienza molto positiva e consiglio a tutti di farla. Oltre a conoscere molte persone ho avuto l'opportunità di vedere una realtà quotidiana fatta di attenzione e cura verso il prossimo.

Il corso si è articolato in 8 incontri settimanali in cui, partendo da alcuni cenni storici sulla nascita e sviluppo delle Misericordie, passando dal "come" si effettua una chiamata di emergenza al 118, arriva poi a fare una panoramica di varie situazioni di emergenza che possono verificarsi per riconoscerle e gestirle nel migliore dei modi in attesa dell'arrivo dei soccorsi. Il culmine del corso è rappresentato dall'insegnamento teorico e pratico delle manovre di disostruzione da corpo estraneo (per gli adulti ma anche bambini e infanti) e del BLSD (acronimo che sta per Basic Life Support and Defibrillation).


Questi corsi di formazione vengono avviati ogni anno e sono sempre aperti a tutta la cittadinanza perché in certe situazioni la tempestività è il fattore che aiuta a salvare vite umane. Quando infatti è in corso un arresto cardiaco ogni minuto che passa dal prestare soccorso alla vittima diminuisce del 10% le capacita di sopravvivenza e recupero delle funzioni vitali dell'organismo. Ciò significa che l'intervento immediato salva la vita!

Prima di chiudere il post faccio l'elenco delle azioni da eseguire quando ci si trova in una situazione di emergenza per diffondere quanto più possibile informazioni di vitale importanza:

  1. Verificare le condizioni di sicurezza del luogo (è importante agire in sicurezza per evitare altre vittime). Se non vi sono queste non si può agire!

  2. Avvicinarsi alla persona e chiamarla scuotendola e parlando all'altezza delle orecchie.

  3. Chiamare o far chiamare il 118.

  4. Se non risponde e non da segni effettuare il G.A.S. (Guarda, Ascolta, Senti).

  5. Iniziare la rianimazione cardio-polmonare e accendere il defibrillatore (se il posto in cui ci si trova ne è munito)

  6. Attaccare le piastre e seguire le indicazioni fino all'arrivo dei soccorsi


ps. Qualora il posto in cui avviene l'incidente non è munito di defibrillatore continuare la manovra di rianimazione fino all'arrivo dei soccorsi


Spero di essere stata utile e di aver suscitato un po' di voglia di saperne di più e/o di iscrizione a uno di questi corsi.


Al prossimo post!

SM

3 visualizzazioni
Scrivimi

Seguimi sui social!