Il matrimonio di Lorenzo e Caterina

Aggiornato il: 6 ago 2019

L'amore e tutte le sue sfumature in una giornata di festa

I matrimoni suscitano sempre una miriade di emozioni in chi li vive in prima persona. Quando poi a sposarsi sono due amici che ti hanno chiesto di aiutarli nella parte organizzativa, il coinvolgimento emotivo è a un livello superiore. Così è stato per il matrimonio di Caterina e Lorenzo lo scorso 28 luglio. Anche se non è semplice, cercherò di descrivere a parole le emozioni di quel giorno ripercorrendo i vari momenti che lo hanno contraddistinto. Ovviamente a chiusura ci saranno i miei cinque momenti del cuore.


La parte organizzativa

Come tutti gli eventi anche i matrimoni hanno una parte organizzativa, più o meno lunga da gestire, fatta principalmente di appuntamenti, sopralluoghi e organizzazione delle idee con gli esperti del settore. Devo dire che gli sposi sono stati sin da subito molto chiari per perseguire i loro obiettivi e hanno fatto delle scelte accurate. Gli allestimenti sono stati curati nei minimi dettagli dai fornitori scelti dagli sposi e che hanno svolto molto bene il proprio lavoro. La chiesa scelta per la cerimonia religiosa è la Chiesa di Sant'Ignazio di Loyola a Pistoia mentre il ricevimento si è tenuto a Villa Il Granduca a Carmignano. Io sono stata coinvolta a livello di consulenza per tutta la parte preparatoria mentre, con l'avvicinarsi del grande giorno, sono stata a coordinare tutto ciò che mi è stato richiesto. Con soddisfazione posso dire che il tableau è stato all'altezza delle aspettative anche posizionato internamente alla Villa.

La parte emozionale

Ma lasciamo da parte l'organizzazione e concentriamoci sul tripudio di emozioni che hanno caratterizzato la giornata. Come per il matrimonio di Lara e Simone (del quale ho curato tutta l'organizzazione insieme agli sposi e del quale ho scritto qui) la mia giornata è iniziata molto presto, con una certa dose di ansia positiva prima del grande momento. Ho ripercorso mentalmente il mio pomeriggio, inclusivo di corteo nuziale, nei minimi dettagli cercando di ricordare tutto quanto.


Prima tappa: casa dello sposo

Alle ore 14.30 ero già davanti al negozio della fiorista a prendere il bellissimo bouquet, le bottoniere per i testimoni e i papà degli sposi e i bracciali per le testimoni. Una volta preso tutto e ascoltate le raccomandazioni di Milena eccomi volare verso casa dello sposo. Dopo aver suonato a lungo il campanello sbagliato, sono entrata all'interno del cancello giusto e ho raggiunto la famiglia dello sposo, impegnata con le fotografie di rito. Ho avuto il privilegio di mettere la bottoniera allo sposo oltre che al papà e a due dei tre testimoni presenti. Fatte le raccomandazioni di rito a Mattia, fratello e testimone, eccomi volare verso la seconda tappa del mio pomeriggio.



Seconda tappa: casa della sposa

Arrivata dalla sposa ho messo i bracciali alle testimoni e scambiato due parole con i fotografi in modo da coordinarci per la parte riguardante il corteo nuziale. L'emozione aleggiava nell'aria e la sposa, nonostante le mie indicazioni nel non pensare a niente di organizzativo, ha comunque chiesto informazioni sullo stato delle cose (Cate te l'avevo detto: tutto sotto controllo!). Dopo le ultime indicazioni da parte della sposa e le raccomandazioni fatte a Maria Lucrezia, sorella della sposa, sono uscita per dirigermi verso la terza tappa.


Terza tappa: la chiesa e la cerimonia religiosa

La chiesa, già di per sé ricca, era stata allestita con colori neutri che non le hanno fatto perdere quell'eleganza che la caratterizza. Sistemate le ultime cose con l'aiuto delle altre amiche, a cui la sposa aveva dato dei compiti, ecco arrivare lo sposo con il suo squadrone di parenti ed amici. La sposa invece si è fatta attendere suscitando l'ilarità dei presenti. Dopo essermi accertata della posizione della sposa (vicino alla chiesa) ho fatto partire il corteo nuziale che ha visto in prima linea i testimoni a coppia, poi la mamma della sposa con il papà dello sposo e infine lo sposo accompagnato dalla mamma; ultima, ma non ovviamente in ordine di importanza, una sposa emozionata al braccio del papà che ha fatto il suo ingresso sulle note della Marcia Nuziale di Wagner.

La cerimonia è stata molto toccante grazie anche al coro di amici che ha accompagnato la funzione in maniera dolce e festosa.


Quarta tappa: il ricevimento di nozze

La felicità nei volti di Caterina e Lorenzo a fine foto con gli sposi ci siamo avviati verso l'ultima tappa di questo pomeriggio festoso: Villa il Granduca. La posizione della villa è invidiabile, su un'altura con una vista su Firenze molto suggestiva. Gli allestimenti molto ben integrati con l'ambiente. L'aperitivo, con gli antipasti a buffet nell'attesa dell'arrivo degli sposi, variegato e buono e lo spazio esterno con le sedie e i tavolini di appoggio in vimini , hanno dato un tocco in più di stile, tenendo conto dell'ambiente circostante. La cena è stata servita nella sala principale della villa: una veranda aperta su due lati che ha contribuito a mantenere una temperatura piacevole. Tra un brindisi e una richiesta di "bacio" agli sposi, siamo giunti al momento del taglio della torta: una crostata con i frutti di bosco molto buona. Anche l'allestimento del tavolo della torta è stato molto bello e suggestivo. Infine spazio per una video-sorpresa da parte del nostro gruppo di amici e poi tutti in pista a ballare, tra le IG stories di Nicola e i video di Lara a memoria di questa bellissima giornata.


Le mie considerazioni

Partecipare al matrimonio di una coppia di amici è un momento bellissimo di condivisione: festeggiare l'amore è sempre significativo. Ho avuto il privilegio di essere in parte coinvolta anche nell'organizzazione preliminare della giornata, chiaro segno di fiducia da parte dei miei amici Caterina e Lorenzo. Di questo sono grata. Sono grata per essere riuscita ad essere all'altezza delle loro aspettative e di aver contribuito nella costruzione del loro giorno perfetto. A voi amici auguro un mondo di gioia e di condivisione: vivete la vita con lo stesso entusiasmo che vi ha portato a pronunciare il vostro Sì!


I miei cinque momenti del cuore:

  1. L'arrivo a casa dello sposo e la sistemazione della bottoniera (è sempre emozionante)

  2. Il momento in cui la sposa ha chiesto di me una volta arrivata a casa a portare i bracciali per le testimoni (mi sono sentita davvero il suo punto di riferimento)

  3. Aver scelto noi amici a cantare nel coro durante la messa

  4. Il corteo nuziale, tanto temuto ma tanto emozionante

  5. La fazzolettata, tanto cara a Lorenzo


Buona vita insieme amici!

Al prossimo post.

SM



160 visualizzazioni
Scrivimi

Seguimi sui social!