Pause pranzo fiorentine

Ritagliarsi un'ora di pranzo senza correre contro il tempo

Uno dei miei piatti riscaldati

Lavorare 8 ore al giorno in una città diversa da dove si vive apre molti scenari, tra questi anche quello relativo alla pausa pranzo. Se è vero che non è sempre possibile andare a pranzo fuori, è anche vero che ogni tanto è importante spezzare la routine del piatto riscaldato al microonde e mangiato nella sala pranzo dell'ufficio (a meno che non si ha a disposizione una mensa aziendale o che si possa usufruire di buoni pasto). Per questo motivo mi piace sperimentare locali nuovi aiutandomi con l'app The Fork, con cui è possibile prenotare un tavolo nei locali della zona di preferenza, usufruendo a volte di una percentuale di sconto (che si aggira in genere attorno al 20%).


Dal lontano 2009 ad oggi posso dire di aver conosciuto molti locali dove si mangia bene e anche in maniera celere per evitare di correre anche in pausa pranzo.


Il Trapizzino al Mercato Centrale

Scelta a seconda del tempo a disposizione

Spesso si preferisce prendere un panino al volo o un trancio di pizza per passeggiare mangiando. E in questo Firenze offre molte possibilità. Ci sono ad esempio i forni che preparano ogni sorta di tipo di panificato (dal pane alla schiacciata, alla pizza ai biscotti) e in questa categoria i miei preferiti sono il Forno Canapa della sig.ra Ivana, nei pressi di piazza San Lorenzo e il Forno Sartori che si trova in una stradina parallela a via dei Calzaioli. Un servizio che ho sperimentato è quello della consegna in ufficio del pranzo. Tempo fa ho prenotato un panino sul sito de Il Panino Tondo e mi sono trovata molto bene sia per la celerità della consegna che per la possibilità di pagare con bancomat alla consegna.


I Ravioli Cinesi al Mercato Centrale

Tra le altre soluzioni di pranzo veloce provate ci sono quella del maxi toast de I'tosto nei pressi del Duomo, il self-service da Leonardo (che ha una vasta scelta tra antipasti, primi e secondi), le Focaccine del Bondi vicino al Mercato Centrale, i vari locali del Mercato Centrale stesso (qui ci sono davvero moltissimi locali tra cui scegliere a seconda del tipo di pranzo che si vuole fare), il Caffé Concerto Paszkowski in piazza della Repubblica dove gustare dei pranzi veloci seduti nel dehors esterno oppure al primo piano in una zona riservata.


Per chi vuole gustare un piatto con più tranquillità ci sono altri posti dove riuscire a fare la propria ora di pausa senza stare con l'ansia dell'orologio. Tra questi c'è la RED Feltrinelli (acronimo di Read, Eat, Dream) che propone piatti espressi del territorio in un ambiente informale e la cui cucina è gestita da studenti dell'Università di scienze Gastronomiche di Pollenzo.

L'insalatona alla RED Feltrinelli

Interessante è anche la proposta della Braceria Malatesta dove c'è una vasta scelta di pietanze toscane e risponde ai gusti e alle esigenze di molti palati visto che in menu hanno anche piatti vegetariani e pizza. Un ambiente particolare è quello de La Ménagère vicino piazza San Lorenzo dove la tradizione italiana sposa la cucina moderna con un doppio ambiente (bistrot e ristorante). Altro ristorante frequentato è la Trattoria Palle D'Oro, un piccolo locale dove gustare la cucina toscana più verace a prezzi contenuti.


La carbonara alla Braceria Malatesta

Un panino e via...

L'American Diner 1950 è il locale dove siamo stati più spesso con i colleghi per una pausa un po' più internazionale vintage. Il locale è molto ampio e, se avvisati del poco tempo a disposizione, riescono a servirti velocemente.


Magari più avanti troverò nuovi locali da proporre e di cui scrivere.

Alla prossima!

SM


21 visualizzazioni
Scrivimi

Seguimi sui social!